Gilles Villeneuve negli scatti di Ercole Colombo. Allo Spazio Oberdan di Milano

di Elisabetta Spinelli

La mostra “WOW GILLES! VILLENEUVE. IL MITO CHE NON MUORE” ripercorre la storia umana e sportiva di Gilles Villeneuve, a 35 anni dalla sua scomparsa e dal 21 aprile al 16 luglio 2017 resterà aperta al pubblico allo Spazio Oberdan di Milano.

Gilles Villeneuve, GP di San Marino, 1980 – Foto di E. Colombo

In esposizione oltre 170 fotografie di Ercole Colombo, reporter di sport tra i più apprezzati, una vita passata in Formula 1 dietro l’obiettivo delle sue reflex, utilizzate per ritrarre gli eroi del volante negli intensi momenti della gara e in quelli della vita privata.

La rassegna è arricchita da alcune immagini provenienti dal Museo Villeneuve di Berthierville in Canada e dal motore della Ferrari 126CK Turbo del 1981, oltre a una sezione con altri oggetti legati al mito di Gilles Villeneuve.

Alle immagini di Colombo fanno da contrappunto i testi di Terruzzi che accompagnano il visitatore lungo la vicenda biografica di Villeneuve. Il racconto, infatti, prende avvio proprio dal 1950, anno della nascita di Gilles Villeneuve, e analizza il periodo della giovinezza, quando comincia ad evidenziare la sua passione per i motori, attraverso le scorribande notturne alla guida delle auto del padre, partecipando alle prime gare di accelerazione, quindi gareggiando con le motoslitte, grazie alle quali inizia a costruirsi una certa notorietà.

Courtesy of MilanoFree.it

Del 1973 è il suo debutto nel mondo delle monoposto: Formula Ford, Formula Atlantic, Formula 2, sino  all’esordio in Formula 1 con una McLaren, nel Gran Premio di Gran Bretagna. Siamo nel 1977, l’anno che sconvolgerà la sua esistenza. Il 29 agosto, a Maranello, Gilles Villeneuve incontra per la prima volta Enzo Ferrari che, nel mezzo di un divorzio burrascoso da Niki Lauda, desidera ribadire la supremazia delle sue macchine rispetto al pilota. La trattativa è breve: Gilles debutta sulla rossa il 9 ottobre in Canada.

«Quando mi presentarono quel piccolo canadese – ricordava Enzo Ferrari -, tutto nervi, riconobbi subito in lui il fisico di Nuvolari e mi dissi: Dagli una possibilità».

Con le sue fotografie, Ercole Colombo cattura appieno l’emozione del momento.

Spazio Oberdan – Viale Vittorio Veneto, 2, 20124 Milano

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Connect with Facebook